1 set 2012

Le saline di Trapani






Un tramonto accade sempre da qualche parte: sul mare, in pianura, vicino a una montagna. In quest'ultimo caso, non è difficile immaginare gli elementi principali del paesaggio: la sommità principale circondata dalle alture secondarie, le rocce cosparse di vegetazione, le nuvole che gravitano vicine o in lontananza all'orizzonte...
Tutto questo, circonfuso dell'estremo chiarore del giorno, compone una scena toccante.
La bellezza del tramonto è esattamente nell'incontro di questi elementi. Come una melodia non è riducibile in alcun modo a un ammasso di note ma è costituita dalla consonanza fra di esse -"cerco le note che si amano", soleva dire Mozart- così la scena trascende gli elementi che la compongono organicamente, tanto che ogni elemento vi si trova trasfigurato [...]
Se la scena in questione non viene colta da uno sguardo, la bellezza non ha modo di conoscersi; essa vive in "pura perdita", e non assume mai il suo senso compiuto.
"Assumere senso" significa in questo caso che l'universo, ogni volta che tende verso la condizione di bellezza, offre un'opportunità -o rinnova una promessa- di godimento.
Lo sguardo del soggetto che coglie in un istante una scena di bellezza porta con sé un nuovo incontro che si svolge su un altro piano, quello della memoria.

François Cheng

Nessun commento:

Posta un commento