12 dic 2012

Sovranità






Se chiamiamo "Liste Pulite" delle liste dove ci finiscono i condannati fino a due anni, questa è un'offesa all'intelligenza media. 
Non succede in nessun paese civile una cosa di questo genere, anzi non c'è nemmeno bisogno di una legge perché i cittadini semplicemente non votano chi ha le ombre addosso e i partiti se ne guardano bene dal proporre candidati che hanno processi in corso per reati di questo tipo.

E allora SPETTA A NOI, riprendersi la sovranità ed evitare di votare persone che hanno macchie di questo genere. 

E anche a noi giornalisti, alla stampa, sorvegliare e pretendere che dentro al parlamento dove si decide la vita del paese, non vengano infilate persone non solo con condanne, ma con processi in corso per corruzione, mafia e terrorismo. 
Perché questo paese non se lo può più permettere. 

Milena Gabanelli 
Report 9/12/12


"La Sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione."
Art. 1 della Costituzione della Repubblica Italiana.